Laura Minguzzi

0
10 luglio 2016  •  Pubblicato in Archivio  •  0 Commenti

MINGUZZILaura Minguzzi Diplomata a 18 anni col massimo dei voti all’Istituto Musicale “L.Boccherini” di Lucca con il M° M.Conti, vince il concorso di ingresso al Conservatoire National Superieur de Musique de Lyon (Francia), dove si perfeziona per quattro anni con il M° P. Bernold ottenendo una Mention Bien all’esame finale. Nel corso degli studi in Francia entra a fare parte dell’“Atelier Instrumental du XX Siècle”, un ensemble orchestrale specializzato in musica contemporanea, dove è Primo Flauto Solista.

Prosegue la sua formazione frequentando l’Accademia di Perfezionamento per Professori d’Orchestra del Teatro alla Scala, (Milano – 2001/2002, maestri D. Formisano, R. Pucci, G. Cambursano) e partecipando a diverse master classes con i maestri: J. Zoon, A. Marion, A. Adorjan, M. Marasco, G. Pretto, M. Conti; G. Cottin, N. Mazzanti (ottavino).

Negli stessi anni intraprende lo studio del flauto barocco (traversiere) con J.De Winne al Conservatoire Royal de Mons (Belgio), frequentando anche master class con i maestri B. Kuijken e K. Hunteler. Rivolge parallelamente la sua attenzione alla musica contemporanea, in particolare con una collaborazione col compositore Mario Pagotto, che le dedica “A Outrance” per flauto e viola, inciso poi per Velut Luna.

In seguito a  idoneità e segnalazioni ottenute in audizioni e concorsi, collabora in qualità di Primo Flauto, Secondo Flauto e Ottavino con diverse orchestre tra cui: l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino (M° D. Oren,…), l’Orchestra Filarmonica Toscanini di Parma (M° G. Bertini), l’Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari (M° L. Maazel, G. Korsten,…), l’Orchestra del Teatro Massimo di Palermo (M° G. Ferro),  l’Orchestra Sinfonica della Valle D’Aosta (M° E. Siffert), l’Orchestra Filarmonica di Torino (M° M. Conti), l’Orchestra “I Virtuosi Italiani”, l’Orchestra CittàLirica del Teatro Verdi di Pisa (M° G. Mazzoli).

Dal 2004 al 2011, vincitrice di concorso, ricopre stabilmente il ruolo di Altro Primo Flauto dell’Orchestra Sinfonica di Roma, con cui suona nelle più importanti sale in Europa e nel mondo (Berliner Philarmonie, Musikverein di Vienna, Mozarteum di Salisburgo, Carnegie Hall di New York, Cadogan Hall di Londra, Auditorium Reina Sofia di Madrid, Washington, Philadelphia, Boston, Belgrado, Rio de Janeiro, Brasilia, Pechino, Shanghai…).

Con l’Orchestra Sinfonica di Roma, nell’ambito della stagione 2009-2010, esegue da solista all’Auditorium di Via della Conciliazione di Roma la Suite n.2 e i Concerti Brandeburghesi n. 2, 4 e 5 di J.S.Bach; nella stagione 2010- 2011 il Divertimento di Busoni per Flauto e Orchestra, cui fa seguito un’incisione discografica per la Naxos.

 

Conclusa l’esperienza con l’Orchestra Sinfonica di Roma, si dedica con entusiasmo alla didattica: nell’ anno 2011/2012 è Professore di Flauto al Conservatorio “F. A. Bonporti” di Trento (corsi pre-accademici per Scuola Media e Liceo Musicale), e al Conservatorio “J. Tomadini” di Udine (supplenza annuale Cattedra di Flauto); nel 2012/2013 continua l’insegnamento al Conservatorio di Trento (supplenza annuale Cattedra di Flauto e corsi pre-accademici); nel 2013/2014 ricopre la Cattedra di Flauto al Conservatorio “J. Tomadini” di Udine, e prosegue la collaborazione col Conservatorio di Trento per quanto riguarda i corsi pre-accademici e al Liceo Musicale. Attualmente è Docente di Flauto all’Istituto Superiore di Studi Musicali “V. Bellini” di Caltanissetta e al Conservatorio “F.A. Bonporti” di Trento.

 

Continua in questi anni a suonare in Orchestra: dal 2004 al 2015 tutte le estati è invitata dal M° G. Noseda a fare parte dell’Orchestra del Festival Settimane Musicali di Stresa, in qualità di Primo e Secondo Flauto; negli stessi ruoli collabora anche con l’Orchestra da Camera di Mantova (M° C. Fabiano), l’Orchestra Sinfonica “Giuseppe Verdi” di Milano (M° R. Chailly, R. Gandolfi, G. Grazioli, W. Marshall, Zhang Xian,…), l’Orchestra Sinfonica di Savona (M° P. Borgonovo), l’Orchestra Sinfonica Abruzzese (M° M. Bufalini,…), la “150rchestra” di Piacenza.

Parallelamente all’attività in Orchestra coltiva la passione per la musica da musica da camera in varie formazioni, ultimamente prediligendo il repertorio barocco e classico in trio con violino e cembalo, e il duo con pianoforte.

Suona un flauto Brannen-Cooper in oro 14K.

 

Lascia un commento

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>